AMA

punto di

riferimento

nel settore della

distribuzione

del credito

News e aggiornamenti dal settore creditizio

Bankitalia: prestiti in aumento e sofferenze in calo

Entrando nel dettaglio dei dati forniti dalla Banca d'Italia, dal 1° al 30 aprile 2017 i prestiti al settore privato, corretti per tener conto delle cartolarizzazioni e degli altri crediti ceduti e cancellati dai bilanci bancari, sono saliti del +0,8% su base annua, anche se in rallentamento rispetto al +1% di marzo. I prestiti alle famiglie, compresi anche i prestiti senza busta paga, sono cresciuti invece del +2,4%, proprio come nel mese precedente, mentre quelli alle società non finanziarie del +0,2%. Inoltre i depositi del settore privato sono aumentati del +3,8% in un anno e la raccolta obbligazionaria è scesa del -15,6%.

Sempre ad aprile, il tasso di crescita delle sofferenze bancarie, ovvero quei prestiti che le banche non riescono a recuperare, è risultato pari al 6,6% su base annua: meglio di marzo, quando si era attestato al 7%. Ma non è tutto: correggendo tale tasso di crescita per tener conto delle cartolarizzazioni e degli altri crediti ceduti e cancellati dai bilanci bancari, si tocca il 10,6% contro l'11,2% del mese prima.

Gli ultimi dati forniti da Bankitalia riguardano il costo del denaro: i tassi di interesse sui prestiti erogati ad aprile 2017 alle famiglie per l'acquisto di abitazioni (mutui), comprensivi delle spese accessorie, sono stati pari al 2,49% (2,54% a marzo) e quelli sulle nuove erogazioni di credito al consumo al 7,92%. I tassi di interesse sui nuovi prestiti alle società non finanziarie si sono fermati all'1,53% (a marzo erano all'1,67%); quelli sui nuovi prestiti di importo fino a un milione di euro al 2,18% e quelli sui nuovi prestiti di importo superiore a tale soglia all'1,06%. Infine i tassi passivi sul complesso dei depositi in essere sono rimasti allo 0,40%, pressoché stabili.

Fonte: Facile.it

categoria: